Territorio, Economia & Sostenibilità

Associazione Valore & Territorio

Via Carlo Dionisotti, 12
13100 Vercelli
+39 392 0226161
gilberto.borzini@gmail.com

temibili concorrenti

Forse non tutti sanno che le Regioni con il maggiore tasso di turismo enogastronomico sono la Toscana e la  Romagna. Terre dai paesaggi ameni (non dissimili nell'area collinare rispetto al Piemonte) e dalle grandi carni (probabilmente quelle piemontesi sono anche migliori), dispongono però di alcuni grandi elementi di traino:
  • la capillarità del servizio gastronomico di qualità
  • la raggiungibilità
  • la qualità dell'accoglienza
  • la simpatia del servizio 
  • l'integrazione con il sistema del turismo culturale (Toscana)
  • l'integrazione con il sistema turistico balneare (Romagna)

Marketing Enogastronomico

Certamente, abbiamo vini straordinari e vigneti meravigliosi. E il Mercato? Intendo dire: il Pubblico dove sta ?
Alcune iniziative sono encomiabili: le Fiere del Tartufo che spopolano tra Moncalvo e Murisengo attirano tante persone, ma non sempre quelle del target che si vorrebbe: l'unica fiera del tartufo che attira davvero il target interessante è quella di Alba, le altre sono frequentate da tanti pullman di allegri anziani. La Fiera del Bue Grasso di Moncalvo è un eccellente pretesto per una gita fuori porta, ma siamo ancora lontani dal "marketing dell'enogastronomia" che definisce flussi costanti di visitatori durante un periodo temporale ampio (primavera - autunno).
 
In Piemonte disponiamo dell'Università del Cibo, di Carlin Petrini, di Oscar Farinetti, di Cheese, di Eataly, ma NON siamo ancora riusciti a definire un sistema del turismo enogastronomico, fatto di integrazione tra territorio e prodotti.
 
Eppure, a prima vista, ci sono gli ingredienti. E allora cosa manca ?